L’editoria ai tempi del webfront

Sono fra quelli che guarda con curiosità ai cambiamenti introdotti dalle nuove tecnologie: on demand, self publishing, diffusione dei blogs. Questo, unito alla progressiva estinzione della carta stampata e dei critici con adeguato stipendio, porterà ad una contrapposizione frontale fra: critici di parte (riconducibili all’industria dell’editoria e dei premi letterari) e moltitudine di blogger e lettori più o meno competenti. Il problema della competenza per me è pretestuoso perché da un lato non ho molte garanzie sulla imparzialità di molti critici “ufficiali” o sulla buona scelta editoriale delle maggiori case editrici, mentre nella vastissima produzione di critica nei blog e nelle recensioni di amazon o anobii si nascondono lettori veramente competenti, liberi dai condizionamenti del mercato, capaci di scovare capolavori nascosti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.