Chi sono

Maria Adele nel 1965
Capo Zafferano, 1965

Maria Adele Cipolla

La mia vita professionale è descritta sul profilo Linkedin, ma chi sono veramente lo dice la foto che mi ritrae a otto anni: scalmanata, vivace, imprevedibile, con la mente occupata da mondi in miniatura e vestiti di bambola da realizzare e poi, dato che gli adulti non mi ascoltavano, la scrittura come mezzo ideale di espressione. Ancora adesso che sono nonna, mi sento quella bambina lì, guardo al passato con tenerezza, trasformandolo in storie da raccontare. Mi sono occupata di tante cose concrete: disegno figurativo e tecnico, cucito, scenografia, costumistica, scultura, matematica, progettazione CAD, stampa 3D, grafica in digitale, cucina, lingua inglese, politica… mentre costantemente la scrittura faceva le sue incursioni, proponendosi come salvezza quando l’artrite mi impediva la creatività manuale, suggerendomi all’improvviso, anche di notte, storie e personaggi.

Comments

5 comments on “Chi sono”
  1. inchiostronoir ha detto:

    Gentile Maria Adele, la ringrazio per il following e le auguro un buon fine di settimana.

  2. Francesco Paolo Magno ha detto:

    Il fatto che abbia dato un riscontro al mio messaggio mi attesta che Maria Adele Cipolla è una donna dalla personalità adulta. Negli anni ’50 del Novecento ebbi come compagno del PCI il villalbese LUIGI LUMIA. Ricordo che, durante una pubblica manifestazione all’Università di Palermo, in via Maqueda, io e Luigi Lumia gettammo centinaia di manifestini lungo la scala che dall’atrio porta in una grandissima sala del primo piano. Altri tempi, carissima amica : furono anni di accesa passione e di grandissima speranza. Poi, a poco a poco,il padronato ha tolto i denti alla maggior parte dei ribelli, e li ha resi mansueti. Dopo le insurrezioni e le rivoluzioni succede sempre un periodo di RESTAURAZIONE. Ma ogni RESTAURAZIONE , poichè intende mantenere in equilibrio una SITUAZIONE INSTABILE, è travolta da un nuovo moto di RIBELLIONE e di RIVOLUZIONE. Per guidare un moto rivoluzionario, carissima amica, è necessaria la presenza di un partito agguerrito, quale fu il partito bolscevico russo. Un caro saluto.

  3. Francesco Paolo Magno ha detto:

    Io sono un comunista, rimasto assai legato all’esperienza e all’insegnamento di Giuseppe Stalin e del partito bolscevico. Desidererei sapere se Maria Adele Cipolla condivida questa mia posizione. Il mio indirizzo elettronico è il seguente : magnofp@alice.it
    P.S. : Maria Adele Cipolla è parente di PINO CIPOLLA, un professore partinicense di Italiano e Storia, ora in pensione, e negli anni ’50 del Novecento un militante del PCI ? Un cordiale saluto.

    1. Mi dispiace ma non posso essere d’accordo con lei nel giudizio su Giuseppe Stalin, che io ritengo essere stato un dittatore sanguinario. Non sono parente di Pino Cipolla, la mia famiglia proviene da Villalba, in provincia di Caltanisetta.